MENU

Le sinapsi di InfoCamere raggiungono Bari e “riaccendono” un padiglione della Fiera del Levante

Un “open space” di 1200 mq dedicati all’innovazione in cui sviluppare applicazioni digitali per le imprese e professionisti. Uno spazio urbano a misura d’uomo da cui condividere una visione di futuro sostenibile, con il linguaggio della street-art.

Bari, 2 luglio 2019 – Sviluppare il legame con il territorio e contribuire in modo concreto a rilanciare uno dei luoghi più significativi per la comunità imprenditoriale del Mezzogiorno, rafforzare la presenza di una realtà ormai storica nel panorama dell’ICT nell’area barese, migliorare la qualità dei luoghi di lavoro e dello spazio urbano condividendo i propri valori. E’ con questi obiettivi che InfoCamere - la società delle Camere di commercio per l’innovazione digitale - ha da poco completato la ristrutturazione del padiglione 103 della Fiera Del Levante per trasferirvi, rinnovandola, la propria sede locale che festeggia così i suoi venti anni di presenza sul territorio barese. A sottolineare la visione di innovazione alla base dell’iniziativa, sulla facciata campeggia un’opera di street-art alta 20 metri e larga 12 – dal titolo “Blow with sinapsi” - creata dagli artisti Alessio-b e Zero Mentale.

“Grazie al connubio tra università, territorio e istituzioni locali – ha detto il Presidente di InfoCamere, Lorenzo Tagliavanti - la Città di Bari rappresenta un ecosistema ricco di opportunità per la crescita di competenze scientifiche altamente avanzate. Venti anni fa InfoCamere ha creduto in questa realtà e quell’intuizione si è rivelata un fattore di crescita importante della capacità innovativa di tutto il sistema camerale nazionale. Bari è per InfoCamere un punto di riferimento indispensabile per lo sviluppo delle iniziative digitali che oggi servono a semplificare la vita degli imprenditori e a modernizzare il Paese.”

La rinnovata presenza di InfoCamere a Bari – ha detto il Presidente della Camera di Commercio, Alessandro Ambrosiè uno stimolo per i nostri imprenditori a partecipare ancora più attivamente al processo di trasformazione digitale da cui, ormai, dipendono lo sviluppo e la crescita del benessere di un territorio. L'ente camerale barese è impegnato a tutto campo nella promozione della cultura digitale e nell’accompagnamento delle imprese lungo questi percorsi, con azioni mirate e strategie condivise a livello di sistema camerale.
“La nuova sede di Bari – ha detto il Direttore Generale di InfoCamere, Paolo Ghezzi - è parte di un grande progetto con cui vogliamo rendere la vita lavorativa più vicina alle esigenze delle persone, realizzando ambienti di lavoro dinamici e aperti dove sia più facile e intuitivo coltivare valori e idee da trasformare in servizi innovativi. Anche grazie alla presenza di un gruppo di giovani e qualificati data-scientist – tutti laureati nell’ateneo cittadino - a Bari sviluppiamo iniziative all’avanguardia per la valorizzazione e utilizzo dei Big Data delle Camere di commercio, applicazioni dedicate alla gestione dell’identità digitale e progetti per rendere più semplice, veloce e sicuro il rapporto tra imprese e Pubblica Amministrazione.”

La nuova sede InfoCamere di Bari: competenze high skill al servizio dell’innovazione

La sede InfoCamere di Bari è stata aperta nei primi anni del 2000 con l’obiettivo di creare un gruppo di giovani con elevata specializzazione nelle discipline tecnico-scientifiche, focalizzato soprattutto sullo sviluppo software. In continuità con quell’impostazione, la scelta di spostare la propria sede in una località più nevralgica del territorio (come la Fiera del Levante) intende favorire la contaminazione con altre realtà già presenti nell’area, con cui collaborare per creare un hub di alte competenze. A oggi, InfoCamere è tra le prime 20 società per fatturato delle oltre 1.600 del settore ICT presenti nel territorio di Bari.

Presso la sede InfoCamere di Bari operano 91 persone con un'età media di 39 anni, di cui 46 assunte tra il 2017 e il 2018 (il 100% in più). Il 50% delle risorse umane appartiene alla categoria dei cosiddetti “millennials” (i nati negli anni ’80 e ’90) con un'età media di 33 anni. 

Il 90% degli addetti (81 persone) ha una laurea, nel 70% dei casi conseguita in discipline scientifiche (principalmente informatica e ingegneria). Il 30% sono donne, una quota più bassa rispetto alla media aziendale (attestata al 40%) ma spiegata dal fatto che - essendo un centro di sviluppo software - la sede di Bari risente dell’ancora ridotta attrattività che le facoltà di informatica esercitano sulle scelte universitarie delle giovani italiane che, di conseguenza, risultano meno rappresentate al momento delle selezioni. Nei prossimi anni InfoCamere punta a far crescere ancora la sede di Bari, compatibilmente con gli spazi a disposizione (oggi sono allestite circa 120 postazioni di lavoro).

Grazie alla street-art, l’innovazione si fa visibile nello spazio urbano

Ad arricchire l’iniziativa, il padiglione ospita sulla facciata un’opera di street-art - “Blow with sinapsi” - creata dagli artisti Alessio-b e Zero Mentale. L’opera è un tassello di un’iniziativa più ampia, avviata lo scorso anno con la realizzazione di un murale degli stessi artisti sulla facciata esterna del Data Center della sede padovana di InfoCamere.  L’immagine di Bari, alta 20 metri, rappresenta una bambina che, soffiando su un fiore di tarassaco, sprigiona una nuvola di farfalle colorate che si librano lungo i nodi di sinapsi, simboleggianti le interconnessioni che sostengono l’innovazione digitale. Un’immagine delicata e potente nello stesso tempo che restituisce il profilo di un sistema pubblico dedicato all’innovazione e alla semplificazione – come quello delle Camere di Commercio - capace attraverso InfoCamere di esprimere una vision fatta di modernità e sostenibilità e di trasformarla in realtà quotidiana per milioni di imprenditori.