MENU

Building Revolution: strumenti per il rilancio dell’edilizia. Connettività e nuovi impianti

A Catania la seconda tappa dello Smart Building Roadshow presenta le opportunità dell’infrastrutturazione in fibra ottica per connettere gli edifici alla rete internet ed offrire ai residenti la possibilità di usufruire dei servizi digitali a vantaggio del comfort, dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale.

Catania, Milano, Vicenza 2 maggio 2018 – Venerdì 4 maggio prossimo Catania ospita una tappa dello Smart Building Roadshow 2018, organizzato da Smart Building Italia in collaborazione con Anitec-Assinform, l’associazione confindustriale delle aziende attive nei settori dell’ICT e dell’Elettronica di Consumo. L’incontro, che si tiene nella sede di Confindustria Catania, si focalizza su uno dei fattori strategici che possono ridare slancio alle costruzioni e alle ristrutturazioni edili e contribuire all’attuazione del Piano Banda Ultralarga in Italia.

Se la connettività è lo snodo dell’innovazione, la realizzazione di un’infrastruttura di telecomunicazioni all’interno degli edifici (denominato impianto multiservizio), siano essi residenziali, commerciali o industriali - come stabilito dalla Legge n. 164/2014: art. 6 ter, comma 2 (Modifiche al DPR 380/2001 «testo unico dell’edilizia») - è lo strumento essenziale per semplificare l’accesso alla rete internet ed accedere ai servizi come la TV via internet o come le applicazioni di videosorveglianza e di building automation, prime fra tutte quelle per l’efficienza ed il risparmio energetico.

L’impianto multiservizio risponde, inoltre, ai nuovi stili di vita dettati appunto dai livelli sempre più sofisticati della digitalizzazione: le esigenze degli acquirenti, specie le nuove generazioni, richiedono immobili al passo con i tempi in relazione alla classificazione energetica come alla capacità di erogare servizi innovativi.

«Il mese scorso abbiamo avviato per il quarto anno il Roadshow, attività di informazione sulle norme, le tecnologie e le metodologie relative all’edificio in rete. - spiega Luca Baldin, project manager di Smart Building Italia - Colmare il gap di informazione e sensibilità che persiste nei confronti del tema e della legge che lo governa resta il nostro obiettivo primario; registro però che dopo ogni incontro il nostro messaggio incontra il grande interesse dei professionisti presenti che, infatti, colgono quanto l’edificio in rete sia una concreta opportunità economica».

«Innovazione e sostenibilità sono le chiavi per il rilancio del nostro tessuto produttivo. - afferma Antonello Biriaco, Vice Presidente Vicario di Confindustria Catania - Nell'era dell’industria 4.0 e della digitalizzazione poter disporre di connessioni veloci ed efficienti e' una priorità irrinunciabile se non vogliamo tagliate fuori le nostre imprese dall'opportunità di competere in modo efficace e produttivo. L'investimento in tecnologie e nelle reti dell'edificio intelligente che consente anche di ottimizzare costi e risorse e' una scelta strategica che pubblico e privato devono sostenere insieme».

Partecipiamo con piacere a questa tappa catanese – dice Giuseppe Piana, presidente di ANCE Catania – perché il mondo delle costruzioni deve assolutamente stare al passo dell’innovazione digitale.

Il Presidente di Anitec-Assinform, Marco Gay, ha così commentato l’iniziativa: «L’accelerazione dell’infrastrutturazione verticale consentirà di estendere a tutti i cittadini l’accesso ai servizi digitali più innovativi e anche di stimolare una domanda di investimenti per il rilancio e l’innovazione dei sistemi produttivi locali. La Digital Transformation deve vedere protagoniste anche le Piccole e Medie Imprese (lato domanda) che possono trarre notevoli vantaggi competitivi dalle componenti più innovative dell’ecosistema digitale anche nell’ottica di compiere il processo di internazionalizzazione necessario a garantire la competitività sui mercati globali delle Imprese e, con esse, del Paese. La collaborazione con Confindustria Catania testimonia ancora una volta come i processi di innovazione e la trasformazione digitale possano contribuire alla crescita economica e sociale del nostro Paese».

A Catania il panel di relatori qualificati illustrerà in ampiezza l’orizzonte e le opportunità offerte dall’edificio connesso alla rete con interventi su ingegneria del costruito e sviluppo dell’impiantistica, evoluzione normativa, requisiti degli impianti di tlc condominiali secondo le norme CEI, impianto multiservizio come infrastruttura per l’edilizia 4.0 ed impresa edile come network di competenze. Tra i relatori si segnala la presenza di Salvo Di Salvo, assessore all’urbanistica e decoro urbano del Comune di Catania, il cui intervento è una importante testimonianza sul ruolo fondamentale della PA in merito all'osservanza dell'art. 135 bis TU edilizia.

La tappa di Catania dello Smart Building Roadshow si tiene venerdì 4 maggio dalle ore 15 nella sede di Confindustria in viale Vittorio Veneto. La partecipazione dà diritto ad acquisire 3 CFP agli iscritti all’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Catania, 2 CFP agli iscritti all’Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania, 1 credito del programma Smart Installer.

Dopo Catania, lo Smart Building Roadshow in partnership con Fiera Milano, Linkem e Fibernet prosegue a Prato (25 maggio), Roma (8 giugno), Lecce (28 settembre) e Bari (22 novembre).

 

  • Ufficio Stampa Confindustria Catania
  • Patrizia Mazzamuto / pmazzamuto@confindustriact.it / +39 342 0564081
  • Anitec-Assinform
  • Stefania Follador / stefania.follador@anitec-assinform.it / +39 346 5003534
  • Smart Building Italia
  • Alberto Visentin / avisentin@pentastudio.it / +39 0444 543133 / 333 8493618
  • Gladys Dalla Chiara / gdallachiara@pentastudio.it / +39 0444 193 25 49